ISO 9001:2015 - ISO 14001:2015 - ISO 19600:2016 - ISO 37001:2018 - SA 8000:2014 - ECOVADIS

Carrello

Your cart is currently empty

Informazioni interessanti sui diversi tipi di lenti

 
Le lenti biconvesse o convesse sono anche chiamate lenti convergenti perché raccolgono un fascio di luce parallelo in un punto, il punto focale. Biconvessa è una lente che è curvata verso l'esterno su entrambi i lati.
 
Una lente asferica ha proprietà di imaging considerevolmente migliori di una lente con raggi sferici (per esempio una lente biconvessa).
 
Ottica aplanatica per i più alti requisiti di ispezione o lavori molto delicati dove sono necessarie ottime proprietà di imaging! Un sistema di lenti aplanatiche consiste in 2 lenti plano-convesse che sono disposte con il loro lato curvo (convesso) l'una verso l'altra e mostra un'immagine a spigoli vivi e senza distorsioni grazie a questa disposizione. Queste lenti plano-convesse sono principalmente fatte di vetro. I sistemi di lenti aplanatiche sono utilizzati nelle lenti d'ingrandimento che si suppone abbiano eccellenti proprietà d'immagine fino al bordo. Queste lenti d'ingrandimento differiscono da quelle "standard" con lenti biconvesse in quanto hanno proprietà di imaging significativamente migliori, poiché le distorsioni che di solito si verificano sul bordo sono completamente eliminate. 
 
In ottica, un acromatico è un sistema di due lenti composto da vetri con diversi numeri di Abbe (diversi gradi di dispersione). Il sistema contiene una lente convergente (di solito fatta di vetro crown) e una lente divergente con un numero di Abbe più piccolo e quindi una dispersione più forte della lente convergente (di solito fatta di vetro flint). Questo permette di correggere l'errore di colore longitudinale, che ogni lente semplice ha, per due lunghezze d'onda, cioè il sistema ha lo stesso cut-off per questi due colori. 
 
Un apocromatico (in greco significa libero dal colore) è un sistema ottico, per esempio una lente, in cui l'errore di colore è corretto il più possibile. A differenza di una lente acromatica, non solo lo spettro primario ma anche quello secondario viene corretto. Nel suo significato originale, un sistema di lenti apocromatiche è calcolato in modo tale che la larghezza di taglio corrisponda a tre lunghezze d'onda (colori) nella gamma visibile, mentre il più semplice acromatico richiede la corrispondenza solo per due lunghezze d'onda. Anche per le altre lunghezze d'onda, c'è allora solo una deviazione molto piccola della larghezza di taglio, e l'errore di colore longitudinale è quindi molto ben corretto.